INFORMAZIONI
SUL CUORE

Articoli on-line 264
ultimo aggiornamento
21 ottobre 2014

      
per diffondere l'autocoscienza sanitaria  -  per ricordare costantemente che "prevenire è meglio che curare" -   per diffondere pratiche mirate a ridurre il rischio di patologie cardiovascolari   -   per aiutare lo svolgimento di attività fisiche   --   per concorrere a rendere abitudinari stili di vita corretti

Articoli visitati 184625
Sito sponsorizzato da AstraZeneca S.p.A

RUBRICHE

ATTIVITÀ ASSOCIAZIONE
  • Scopo ed atti
  • Cuore in Piazza
  • Cardiologie aperte
  • Attività sociali
  • Attività di prevenzione
  • Cuore Amico

  • CARDIOLOGIA S.SPIRITO
  • Attività del Reparto
  • RIABILITAZIONE
  • Storia del Santo Spirito

  • CONOSCERE IL CUORE

    note

    NOTIZIE PRATICHE
  • Pillole di Salute...
  • ...Salute in pillole
  • Ricette

  • SCIENZA & SALUTE
  • Alimentazione
  • Farmaci

  • TESTIMONIANZE

    AUTORI

    INDICE GENERALE

    Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
    a cura di
    Luciano De Vita (Editore)
    On line copyright
    2002-10 by LDVRoma


    Sito realizzato con il sistema
    di pubblicazione Spip
    sotto licenza GPL

    Rubrica: Attività del Reparto

    L’infermiere professionale e le sue nuove sfide

    Perché la sua fondamentale importanza nell’organizzazione della vita ospedaliera
    sabato 2 aprile 2011

     

    Quando nel 1986 confidai a mia madre che ero intenzionato a ripercorrere la sua carriera professionale, iscrivendomi al corso per infermieri professionali presso il Policlinico Gemelli, non immaginavo che in pochissimo tempo la figura infermieristica avrebbe subito una autentica rivoluzione copernicana, sia per il percorso normativo che per l’iter formativo. Già con un decreto del 1994 che traccia il nuovo profilo professionale dell’infermiere si sancisce che “l’infermiere partecipa all’identificazione dei bisogni di salute della persona e della collettività (…) identifica i bisogni di assistenza infermieristica e formula i relativi obiettivi (…) pianifica, gestisce e valuta l’intervento assistenziale infermieristico (…) garantisce la corretta applicazione delle prescrizioni diagnostico-terapeutiche”. Questo iter è stato ulteriormente integrato con la pubblicazione nel 1999 del nuovo Codice deontologico che affronta, in modo articolato e complesso, tematiche eticamente sensibili come l’eutanasia, l’accanimento terapeutico, la donazione di organi, la contenzione fisica e farmacologica, la fecondazione assistita, l’aborto, il diritto all’obiezione di coscienza. Con la legge 42 del 1999 si procede inoltre all’abolizione famoso “mansionario”. E’ comunque con la legge 251 del 2000 (“Disciplina delle professioni sanitarie”) che per gli infermieri si aprono definitivamente le porte per accedere alla dirigenza. Per quanto concerne invece il percorso formativo, è stato sancito il definitivo passaggio alla formazione universitaria, istituendo la laurea in Infermieristica.

    JPEG - 35.1 Kb

    Questo breve excursus, normativo e formativo, serve a evidenziare come oggi l’infermiere si proponga ad un impegno sempre più evoluto, alla luce di una formazione professionale sempre più avanzata. A lui spetta di intervenire, con sempre maggiori competenze, nei processi assistenziali, gestionali, formativi e di ricerca; e trovare, di concerto con gli altri protagonisti del pianeta salute (e non da ultimo collaborando con i cittadini), nuove e sempre più efficaci risposte ai problemi prioritari di salute della popolazione e alla qualificazione dei servizi. Il riconoscimento dell’autonomia professionale, le possibilità di specializzazioni e di carriera sia nel management che nella ricerca e nell’università, la creazione di figure di supporto che, coadiuvano l’infermiere, nelle mansioni più semplici, sono tutte espressioni di un unanime riconoscimento della maturità tecnico-scientifica raggiunta dal sapere infermieristico.

    Oggi presso la Uoc Cardiologia dell’Ospedale Santo Spirito di Roma, dove da oltre 10 anni sono il Coordinatore infermieristico, viene data fondamentale importanza al ruolo e alla professione infermieristica. Il prof. Vincenzo Ceci prima ed il dott. Roberto Ricci oggi, che si sono alternati come direttori, hanno sempre creduto e valorizzato la figura dell’infermiere, favorendone la formazione, l’aggiornamento e la crescita professionale. Oggi l’infermiere di Cardiologia è un professionista altamente qualificato, capace di formare personale sanitario e “laico” in tecniche di rianimazione, impeccabile nel gestire pazienti con infarto acuto in sala di Emodinamica durante l’esecuzione di angioplastica coronarica o pazienti in trattamento emodialitico, con contropulsazione aortica, in respirazione meccanica assistita. Inoltre gestisce ambulatori infermieristici sullo scompenso cardiaco, effettua counseling ai degenti prima della dimissione, sa fare prevenzione primaria e secondaria come “Care Manager” presso gli studi dei medici di medicina generale. Insomma nuove sfide a cui noi infermieri, professionisti responsabili dell’assistenza, sapremo rispondere per andare incontro a quelle che sono le esigenze di una società che richiede sempre più personale altamente qualificato e autonomo.


    AVVISI SOCIALI
    5 x 1000 a CUORE SANO C.F. 96255480582
    Associazione Cuore Sano Onlus
    presso il Reparto di Cardiologia dell'Ospedale 
    S. Spirito in Roma
    Lungotevere in Sassia 9,  00193 Roma
    SITO AMICO