INFORMAZIONI
SUL CUORE

Articoli on-line 313
ultimo aggiornamento
25 ottobre 2018

      
per diffondere l'autocoscienza sanitaria  -  per ricordare costantemente che "prevenire è meglio che curare" -   per diffondere pratiche mirate a ridurre il rischio di patologie cardiovascolari   -   per aiutare lo svolgimento di attività fisiche   --   per concorrere a rendere abitudinari stili di vita corretti

Articoli visitati 433848
Sito sponsorizzato da AstraZeneca S.p.A

DOMANDE A CUORE SANO

RUBRICHE

ATTIVITÀ ASSOCIAZIONE
  • Scopo ed atti
  • Cuore in Piazza
  • Cardiologie aperte
  • Attività sociali
  • Attività di prevenzione
  • Cuore Amico

  • CARDIOLOGIA S.SPIRITO
  • Attività del Reparto
  • RIABILITAZIONE
  • Storia del Santo Spirito

  • CONOSCERE IL CUORE

    note

    NOTIZIE PRATICHE
  • Pillole di Salute...
  • ...Salute in pillole
  • Ricette

  • SCIENZA & SALUTE
  • Alimentazione
  • Farmaci

  • TESTIMONIANZE

    AUTORI

    INDICE GENERALE

    Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
    a cura di
    Luciano De Vita (Editore)
    On line copyright
    2002-2018 by LDVRoma


    Sito realizzato con il sistema
    di pubblicazione Spip
    sotto licenza GPL

    Rubrica: CONOSCERE IL CUORE

    Le parole del cuore

    Siamo sicuri di conoscere il significato esatto dei termini delle cardiopatie?
    sabato 24 gennaio 2009

     

    Non è infrequente che il cardiologo, a colloquio con un paziente, si renda conto della difficoltà di far comprendere esattamente il significato di un termine che frequentemente ricorre in una patologia cardiopatica. Proviamo a definire il senso delle "parole del cuore"

    ARTERIOSCLEROSI: è un lento processo de-generativo che colpisce tutte le arterie. Con questo termine si intende un generico indurimento (sclerosi) e la conseguente perdita di elasticità delle pareti delle arterie: un fenomeno che compare con il progredire dell’età. Questo indurimento arterioso è la conseguenza dell’accumulo di tessuto connettivale fibroso a scapito della componente elastica nella parete arteriosa. Negli adulti, e soprattutto negli anziani, con la tendenza delle arterie a "invecchiare", diminuisce quindi la loro efficienza nel convogliare il sangue ossigenato attraverso l’organismo.

    ATEROSCLEROSI: è la forma più comune del-l’arteriosclerosi, ma tra questo termine e quello di cui abbiamo parlato prima corre una differenza, mentre di frequente essi vengono confusi. Per aterosclerosi si intende dunque un accumulo di sostanze grasse sulle pareti interne delle arterie. Questo accumulo è costituito in prevalenza da colesterolo, una so-stanza presente nel sangue e in tutte le cellule dell’organismo. La caratteristica dell’aterosclerosi sono gli ateromi. Così si definisco-no le placche che rivestono le superfici interne di vene e arterie. Esse sono costituite da depositi di grassi di vari tipi (colesterolo, fosfolipidi) e anche da piccole percentuali di tessuto fibroso. Le placche evolvono nel tempo; dapprima il contenuto predominante è quello lipidico e assumono un colore giallastro, quindi evolvono verso depositi sempre più grandi e consistenti, mutando il colore in bianco. Nello stadio avanzato si può osserva-re una degenerazione (necrosi) degli ateromi; inoltre il substrato lipidico può richiamare la fibrina, sostanza a composizione proteica, di natura filamentosa e insolubile, e dare origine quindi a trombi.

    ANGINA: è una sindrome provocata dalla riduzione dell’apporto di sangue ossigenato al cuore. Il termine "angina pectoris" deriva dal latino e letteralmente significa dolore di petto: si tratta infatti di una sindrome clinica caratterizzata da un dolore generalmente localizzato al petto e/o al braccio sinistro, a carattere gravativo e costrittivo, non sempre molto violento, tipicamente precipitato dallo sforzo ed alleviato dal riposo o dall’assunzione sotto la lingua di una pillola di nitroglicerina (trini-trina) che il cardiopatico a rischio dovrebbe portare sempre con sé. Se la frequenza, l’insorgenza e la intensità del dolore sono prevedibili si parla di angina pectoris stabile, ed è una condizione cronica. Di fronte a un quadro meno prevedibile e crescente in termini di frequenza ed intensità del dolore si parla di angina instabile.

    ISCHEMIA: si intende una situazione clinica caratterizzata dalla diminuzione della quantità di sangue, in relazione alla richiesta, in una zona dell’organismo, il cuore ad esempio. Ciò provoca, di conseguenza, uno scarso apporto di ossigeno. L’ischemia è caratterizzata, quindi, da uno squilibrio tra apporto e richiesta di ossigeno.

    INFARTO MIOCARDICO: è la necrosi, cioè la morte, di una parte del tessuto muscolare cardiaco, conseguente a ostruzione prolungata di una arteria (una delle arterie corona-rie) che portano il sangue al cuore, con riduzione critica della perfusione dell’organo in una sua parte. La riduzione è acuta, ma il pro-cesso patologico a cui si accompagna può da-tare da tempo: la causa principale dell’infarto miocardico è, infatti, una trombosi; meno frequentemente, uno spasmo coronarico; entrambi gli eventi, tuttavia, si verificano preferenzialmente a livello di preesistenti lesioni di natura aterosclerotica della parete vasale. Trombosi e spasmo possono, peraltro, coesistere e influenzarsi a vicenda.


    AVVISI SOCIALI
    5 x 1000 a CUORE SANO
    C.F. 96255480582
    Associazione Cuore Sano Onlus
    presso il Reparto di Cardiologia dell'Ospedale 
    S. Spirito in Roma
    Lungotevere in Sassia 9,  00193 Roma
    Conto Corrente Postale 1031536970
    SITO AMICO